ENTRA Partecipa anche tu! Registrati

Attualità » Luce per i nostri passi è la Parola di Dio » 12 Aprile 1947: Apparizione alle TRE FONTANE



Virgilio Forum

Messaggi: 10067

Post dell'utente

12 Aprile 1947: Apparizione alle TRE FONTANE

  1.  
  2. 12 aprile 1947:  la Vergine della Rivelazione
  3. "Sono Colei che sono nella Trinità Divina - Tu Mi perseguiti: ora basta! Entra nell'ovile santo, corte celeste in terra"
  4.  Il veggente
  5. Bruno Cornacchiola, tranviere, nasce a Roma il 9 maggio 1913. Durante la guerra civile in Spagna, parte come volontario e fa amicizia con un soldato tedesco, protestante, che gli instilla l'odio per la Chiesa e il Papa. Finita la guerra, prima di ritornare in patria compra un pugnale, sul cui manico scrive: "A morte il Papa".  Arrivato in patria,  stende il suo piano:
  6.       "Per salvare l'umanità dovrò uccidere i preti in qualunque luogo, cercherò in tutti i modi di distruggere la Chiesa cattolica e sarà mio dovere pugnalare il Papa".
  7.       Vuole convincere la moglie ad abbandonare la sua fede cattolica e spesso la picchia. Un giorno la moglie, esasperata, fa con lui uno strano patto:
  8.       "Bruno, tu vuoi che io entri con te a far parte della Chiesa protestante... Accetto, ma ad una condizione: ti devi confessare e ricevere la comunione nei primi nove venerdì del mese. Se alla fine di questa pia pratica vorrai ancora cambiare religione ti seguirò anch'io, se no continueremo insieme nella fede del nostro battesimo!".
  9.       L'uomo acconsente e riceve per nove volte, ogni primo venerdì del mese, l'Eucaristia, ma non muta parere; così, fallita la prova, la moglie passa con lui al protestantesimo.
  10.       Ma Cristo lo attende al varco!
  11.  
  12.       L'apparizione
  13. Il 12 aprile 1947, sabato, Bruno Cornacchiola con i suoi tre bambini si dirige verso la località "Tre Fontane". I bambini giocano a palla, mentre Bruno prepara uno scritto contro la Vergine Maria
  14.       Ad un tratto, ritrova il più piccolo dei suoi figli inginocchiato all'ingresso di una grotta mentre tiene le mani giunte come se pregasse, sorride e bisbiglia:  "Bella Signora!... Bella Signora!...".
  15.       Nello stesso tempo anche gli altri due bambini cadono in ginocchio, le mani giunte e gli occhi fissi, ripetendo le stesse parole:  "Bella Signora!...".
  16.       Il padre cerca di alzarli, ma invano: sembrano di piombo.
  17.       Bruno Cornacchiola è in preda alla paura e piange. Quand'ecco che viene rapito dalla visione di una giovane donna,  vestita di una tunica bianca, stretta ai fianchi da una fascia rosa. Ha capelli neri, e un manto verde che la copre dalle spalle ai piedi.
  18.       Nella mano destra regge, appoggiandolo al petto, un libro di colore grigio, su cui tiene pure l'altra mano.
  19.  
  20.       Continua il veggente:
  21.       "Vidi che la bella Signora lentamente muoveva la mano sinistra ed indicava qualcosa ai suoi piedi. Guardai e vidi a terra un drappo nero sostenente una croce spezzata". Cornacchiola pensa che quel drappo nero simile a una veste stracciata e la croce spezzata, volessero alludere all'abito talare, da molti religiosi e sacerdoti ormai messo da parte.
  22.       La Signora, mostrando il libro che tiene in mano, con tono dolce dice:
  23.  
  24.       "Sono Colei che sono nella Trinità Divina. Sono la Vergine della Rivelazione. Tu Mi perseguiti: ora basta! Entra nell'ovile santo, corte celeste in terra (la Chiesa Cattolica).
  25.       Ubbidisci all'autorità del Papa!
  26.       Il giuramento di Dio è e rimane immutabile: i nove venerdì del Sacro Cuore, che tu facesti, amorevolmente spinto dalla tua fedele sposa prima di iniziare la via dell'errore, ti hanno salvato!".
  27.  
  28.       Nel messaggio, la Madonna chiede con insistenza a tutti la preghiera ed invita alla recita del Rosario:
  29.  
  30.       "Si preghi assai e si reciti il Rosario quotidiano per la conversione dei peccatori, degli increduli e per l'unità dei cristiani.
  31.       Le Ave Maria che voi dite con fede e amore, sono tante frecce d'oro che raggiungono il Cuore di Gesù!".
  32.       Il 9 dicembre 1949 il Santo Padre Pio XII invitò i tranvieri di Roma a recitare con lui il Rosario nella sua cappella privata. Lasciamone la descrizione a Cornacchiola:
  33.  
  34.       "Tra i lavoratori c'ero anch'io; portavo con me il pugnale e la Bibbia sulla quale stava scritto: "Questa è la morte della Chiesa Cattolica, col Papa in testa". Volevo consegnare al Santo Padre il pugnale e la Bibbia.
  35.       Finito il Rosario il Papa disse:
  36.       - "Qualcuno di voi mi vuol parlare?".
  37.       Io mi inginocchiai e dissi:
  38.       - "Santità, sono io!".
  39.       Gli altri lavoratori fecero largo per il passaggio del Papa; egli si chinò verso di me, mi pose la mano sulla spalla, avvicinò il suo volto al mio e chiese:
  40.       - "Cosa c'è, figlio mio?".
  41.       - "Santità, qui c'è la Bibbia protestante che interpretavo erroneamente e con la quale ho ucciso molte anime".
  42.       Piangendo consegnai anche il pugnale sul quale stava scritto "Morte al Papa" e sussurrai:
  43.       - "Chiedo perdono di aver osato solo pensare a tanto. Avevo progettato di ucciderla con questo pugnale!".
  44.       Il Santo Padre prese quegli oggetti, mi guardò, sorrise e osservò:
  45.       - "Caro figlio, con ciò non avresti fatto altro che dare un nuovo martire alla Chiesa, ma a Cristo una vittoria dell'amore!"
  46.  
  47. ********************
  48.  
  49.   Supplica alla Vergine della Rivelazione
  50.  
  51.   Vergine Santissima della Rivelazione, che sei nella Trinita' Divina, degnati, Ti preghiamo, di
  52.  
  53.   rivolgere a noi il tuo sguardo misericordioso e benigno. Oh Maria! Tu che sei la nostra potente
  54.  
  55.   avvocata presso Dio, che con questa terra di peccato ottieni grazie e miracoli per la conversione degli
  56.  
  57.   increduli e dei peccatori, fa che otteniamo dal Tuo Figlio Gesu' con la salvezza dell'anima, anche la
  58.  
  59.   perfetta salute del corpo, e le grazie di cui abbiamo bisogno.
  60.  
  61.   Concedi alla Chiesa ed al Capo di essa, il Santo Padre Benedetto XVI, la gioia di vedere la conversione dei
  62.  
  63.   suoi nemici, la propagazione del Regno di Dio su tutta la terra, l'unita' dei credenti in Cristo, la pace
  64.  
  65.   delle nazioni, affinche' possiamo meglio amarti e servirti in questa vita e meritare di venire un
  66.  
  67.   giorno a vederti e ringraziarti eternamente in Cielo.
  68.  
  69.   Benedici e proteggi l'Italia, ora e sempre.
  70.  
  71.   Amen.
  72. http://trefontane.altervista.org/doc/spm/1.html
  73. *************
  74. http://trefontane.altervista.org/index.html
      

Messaggi: 10067

Post dell'utente

> Testimonianza di Bruno Cornacchiola

http://www.youtube.com/watch?v=Mjyf-vjBrME&feature=related

Messaggi: 10067

Post dell'utente

>> Perchè alle Tre Fontane? (San Paolo)

  1. PERCHÉ ALLE TRE FONTANE?
  1. *********
  2. *************
  3. http://trefontane.altervista.org/doc/bstf/10.html
  4. *************
  5. **********
  6. In ogni apparizione della Vergine, fra le tante domande che il popolo cristiano si pone, fa sempre capolino anche quella del perché di quel luogo dove l'avvenimento accade: «Perché proprio qui e non altrove? Ha questo posto qualcosa di speciale o c'è qualche motivo per cui la Madonna lo ha scelto?». Certamente ella non fa mai nulla per caso….. È interessante rimarcare come la storia dell'umanità e dei luoghi dove avvengono particolari fatti entri a far parte anche della strategia del Cielo. Da quando il Figlio di Dio è entrato nel tempo, anche il tempo fa parte dello svolgersi del piano di Dio, quel piano che noi chiamiamo <storia della salvezza>…. La madre fa sempre propria la «storia» dei figli. Ci domandiamo allora: c'è qualcosa di particolare in quel luogo delle Tre Fontane che abbia attirato le simpatie della Regina del Cielo, per cui abbia stabilito di apparirvi? E poi, perché quella località è denominata «Le Tre Fontane»? Secondo un'antica tradizione che rimanda ai primi secoli del cristianesimo, confermata da documenti storici di grande valore, il martirio dell'apostolo Paolo, avvenuto nel 67 dopo Cristo per ordine dell'imperatore Nerone, sarebbe stato consumato nel luogo allora denominato Aquae Salvìae, precisamente dove oggi sorge l'abbazia delle Tre Fontane. …. Si dice anche che nella zona venne trucidata una intera legione romana capitanata dal generale Zenone, legione che prima del martirio fu condannata dall'imperatore Diocleziano a costruire le grandiose terme che portano il suo nome e dai resti delle quali Michelangelo trasse poi la splendida chiesa di S. Maria degli Angeli alle Terme, risultando così, sia pure indirettamente, uno dei primi templi innalzati a Maria santissima ad opera dei cristiani. Inoltre in questa abbazia visse per qualche tempo san Bernardo di Chiaravalle, esimio innamorato e cantore di Maria. E per tanti secoli quel luogo risuonò e risuona tuttora delle lodi e delle invocazioni innalzate a Maria. E lei non dimentica. Ma l'aspetto più specifico che probabilmente portò la Madonna a scegliere quella località dovette essere il particolare riferimento a san Paolo, non solo per la sua conversione ma anche per il suo amore alla Chiesa e alla sua opera di evangelizzazione.
  7. Infatti ciò che accadde all'Apostolo sulla via per Damasco ha parecchi punti di contatto con ciò che si verificò in questa apparizione della Vergine a Bruno Cornacchiola.
  8. Saulo, chiamato poi Paolo, si convertì alle parole di Colui che, dopo averlo gettato da cavallo e accecato con la sua luce abbagliante, gli aveva detto: «Io sono colui che tu perseguiti!». Alle Tre Fontane la Madonna dirà al veggente, rivestendolo della sua luce affettuosa: « Io sono Colei che sono nella Trinità, Tu mi perseguiti, ora basta!». E lo invita a entrare nella vera Chiesa che la celeste Regina definisce « ovile santo, corte celeste in terra». E in quel libro che lei tiene tra le sue mani e vicino al suo cuore, che è il libro della Rivelazione, c'è una grande parte uscita dal cuore e dalla bocca dell'«apostolo delle genti», inviato ad annunciare la verità al mondo pagano, e che i protestanti, indebitamente, considerano loro patrono.
  9. E quanto ebbe a soffrire Paolo per le divisioni che si erano venute a creare in quelle comunità cristiane che egli aveva fondato lo si può capire dalle sue lettere: «Vi ho scritto in un momento di grande afflizione e col cuore angosciato, fra molte lacrime, però non per rattristarvi, ma per farvi conoscere l'affetto immenso che ho per voi» (2Cor 2,4).
  10. Ci sembra di non sbagliare allora se interpretiamo quello stringere al cuore quelle parole dell'Apostolo come se la Madonna intendesse farle sue e ripeterle a ciascuno di noi. Perché ogni sua visita su questa terra in modo visibile costituisce un richiamo alla vera fede e all'unità. …. L'unità fra i cristiani è uno dei motivi della sua sollecitudine, e per essa invita a pregare.
  11. In pratica, ciò che alle Tre Fontane la Madonna riproporrà è lo stesso messaggio che san Paolo visse e annunciò nella sua vita di apostolo e che possiamo riassumere in tre punti: 1. conversione dei peccatori, specialmente dalla loro immoralità (il luogo dove Maria appare ne era teatro); 2. conversione degli increduli dal loro ateismo e dal loro atteggiamento di indifferenza di fronte a Dio e alle realtà soprannaturali; l'unità dei cristiani, cioè il vero ecumenismo, affinché si adempia la preghiera e l'anelito di suo Figlio: si faccia un solo ovile sotto la guida di un solo pastore.
  12.  Il fatto poi che il luogo si trovi a Roma è di per se stesso un richiamo a Pietro, alla roccia su cui è fondata la Chiesa , alla garanzia di verità e di sicurezza della Rivelazione stessa. La Madonna dimostra un particolare affetto e cura per il Papa. Con questo vuole far capire che è lui il pastore dell'«ovile santo» e che non c'è vera Chiesa, nel senso pieno del termine, se si prescinde dall'unione con lui.
  13. Bruno era protestante, e la Madonna vuole illuminarlo subito su questo punto, al di fuori del quale si continua a vagare e a cercare a tentoni, come ciechi. E dato che parliamo di Roma e del Papa, notiamo ancora che questa apparizione alle Tre Fontane è molto «discreta», forse più discreta di altre. Probabilmente perché Roma è la sede del Papa, Maria nella sua delicatezza non vuole farlo passare in secondo ordine o interferire nella sua missione di vicario di Cristo, suo Figlio. La discrezione è sempre stata una sua caratteristica specifica, in ogni circostanza, sia nella sua esistenza terrena sia ora in quella celeste.
  14.  **************************************
  15.                    **********************
  16. http://www.youtube.com/watch?v=WVUkt7dAtj4&feature=related

Messaggi: 10067

Post dell'utente

>>> I segni del Sole

  1. b) Oltre i segni.., oltre i simboli!
  2. È proprio questa lettura simbolica dei segni, questa teologia dei segni, che esorta il cristiano a guardare oltre il segno, oltre il simbolo, per fissare la sua attenzione sul loro significato.I fenomeni straordinari alla Grotta delle Tre Fontane possono essere un segno del cielo, un richiamo della Vergine santissima alla umanità, ai singoli uomini; ma occorre proprio per questo non fermarsi al segno; occorre cogliere quello che la Vergine vuoi dirci; e particolarmente che dobbiamo fare.L’umanità è in crisi. Vanno in cenere idoli e miti; ideologie nelle quali hanno creduto o credono milioni di uomini si sono polverizzate o si stanno polverizzando. Fiumi di parole hanno inondato la terra, confondendo, illudendo. Parole di uomini, parole che sono passate e passeranno. La Vergine della Rivelazione viene a ricordarci che esiste un libro, il Vangelo, nel quale son contenute parole di vita eterna, le parole dell’Uomo-Dio, quelle che non passeranno mai: “Passeranno il cielo e la terra, ma le mie parole non passeranno mai “.Il ritorno al Vangelo, quindi, è quello che la Vergine vuole indicarci; la conversione al vangelo, a vivere i suoi valori, a pregare.Allora i segni del cielo, anche quello del sole delle Tre Fontane, possono essere visti solo come un segno di misericordia, di amore, di speranza. Il segno di una madre che sta vicina ai suoi figli con clemenza, indulgenza, premura.I credenti sanno che la conclusione di tutte le epoche del nostro pianeta è stata sempre scritta dalla Madonna, che ha aggiunto ai tanti titoli sotto i quali è venerata, il suggestivo titolo di Vergine della Rivelazione, guardano, pur nella trepidazione del tempo presente, fiduciosi verso quella luce di speranza che per mezzo suo ha iniziato a brillare per l’umanità: il bimbo che porta sulle ginocchia, che è la pace e la salvezza dell’umanità. .......
  3. ********************************************************************
  4. http://trefontane.altervista.org/doc/storia/sole.html
  5. ********************************************************************
  6. http://trefontane.altervista.org/doc/bstf/23.html
Virgilio Forum